{

L‘uso della zeolite in viticoltura

Settembre: tempo di vendemmia. Nell’Antica Masseria ‘ A Canc’llera è iniziata la raccolta di questo prezioso frutto che si trasformerà in un vino di pregiata qualità. Ma per ottenere questo risultato bisogna partire dalla cura della vite: fin dal comparire dei primi germogli e per tutta la durata del ciclo vegetativo della pianta, viene impiegata la nostra zeolite/chabasite di estrazione italiana in forma micronizzata. Sono numerosi i benefici che si ottengono con l’uso di questo minerale naturale: essa funge da stabilizzatore termico e regolatore dell’umidità, inoltre dona vitalità alla pianta e previene le tipiche malattie della vite. Il suo uso permette quindi di ridurre al minimo – quando non eliminare del tutto – l’uso di quei  presidi fitosanitari di origine chimica  che inquinano i terreni e sono presenti come residuo nel prodotto finale, inficiandone così la qualità. L’uso della zeolite in viticoltura è indicato non solo nelle grandi aziende ma anche nelle piccole coltivazioni familiari. A questo proposito vogliamo ricordare che  è nostra cura seguire il percorso di ogni singolo cliente e che questa collaborazione , che si sviluppa grazie alla condivisione dei valori di amore e rispetto per la terra,produce alimenti di ottima qualità per la salvaguardia dell’ambiente e della salute umana.

Antonio Oliveri

Condividi questo articolo

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email