Contributo ambientale della zeolite

Nel 2015, le Nazioni Unite hanno pubblicato un rapporto dal titolo L’acqua per un mondo sostenibile

in cui avvertono che i consumi idrici cresceranno del 55% entro il 2050 ed è perciò necessario

migliorare drasticamente l’efficienza del suo uso soprattutto in campo agricolo investendo in pratiche

innovative con tecniche di precisione e più efficienti. (Pasotti, 2015).

Il diffuso utilizzo dei fertilizzanti di sintesi (NPK) ha sconvolto la chimica del pianeta raddoppiando

il flusso di azoto e fosforo negli ecosistemi fino a livelli di circa 121 milioni di tonnellate di azoto e 9

milioni di tonnellate di fosforo all’anno.

Azoto e fosforo provocano sulla terraferma una perdita di biodiversità in quanto in un ecosistema

complesso molte piante non sono in grado di affrontare un improvviso aumento delle risorse e cedono

il passo a nuove specie più competitive. In Europa, le praterie hanno perso un quarto delle specie

vegetali autoctone dopo decenni di deposizione di azoto e fosforo di origine antropica. L’elevato loro

contenuto nel sistema idrologico superficiale (fiumi, laghi, mare) innesca una crescita spropositata di

alghe microscopiche che, giunte alla fase di decomposizione, consumano grandi quantità di ossigeno

con conseguente perdita di biodiversità sino alla formazione di “zone morte” (es. Golfo del Messico)

Le elevate concentrazioni di nitrati nelle acque contribuiscono all’insorgenza di malattie (diversi

tipi di cancro, Alzheimer, diabete).

Le Zeoliti sono una famiglia di minerali costituita da 52 specie, definibili, dal punto di vista

chimico, “allumino-silicati idrati di elementi alcalini e/o alcalino-terrosi (essenzialmente, Na, K, Ca)”.

Incorporata nel terreno la Zeolite diventa parte integrante svolgendo un compito selettivo:

  • Idratazione reversibile
  • Disidratazione reversibile
  • Selettività di scambio

 

La zeolite cattura l’azoto ammoniacale rilasciato dai concimi naturali o dai fertilizzanti chimici, successivamente rilasciandone a secondo la necessità fenologica delle culture.

Incorporata nel terreno la Zeolite svolge un attività tipo spugna, rilasciando acqua o trattenerla, a secondo la necessità della pianta.

Condividi questo articolo

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email